Carlo Bossone, la scuola e il suo inconfondibile stile

L’Associazione Culturale Artitalia, sodalizio che si occupa della valorizzazione della culturale locale promuovendo in particolare la figura artistica del pittore impressionista Carlo Bossone ha presentato la mostra retrospettiva programmata, presso l’Ossola Outdoor Center di Crevoladossola, dal 20 aprile al 20 maggio.

Moreno Bossone, presidente di Artitalia illustra così l’evento: «Abbiamo pensato di proporre una rassegna che non parli e presenti solo opere di Carlo Bossone ma vogliamo dare ampio spazio a quella che è stata la sua scuola, i suoi insegnamenti, la sua vena artistica e presentare opere dei pittori che possiamo definire “bossoniani”. Carlo Bossone ha creato uno stile di pittura che ancora oggi resta attuale, uno stile che ha trovato una maturazione profonda nel suo passaggio in Argentina. Lì, lontano dai suoi maestri: Moretti Foggia, Fontanesi, Guarlotti, è riuscito ad esprimere la sua forza pittorica, lì ha dovuto dipingere ed immortalare su tela ciò che vedeva. Lì si è formato il suo carattere pittorico».

Presso la sala espositiva dell’Ossola Outdoor Center sarà presentata l’opera del pittore ossolano che è stata caratterizzata da tre distinti momenti evolutivi: il periodo argentino, gli anni dal 1950 al 1975 e l’ultimo periodo della sua vita sino al ‘91. A corollario delle opere del maestro saranno presentate opere di artisti di estrazione bossoniana, tra questi troviamo: Peppino Stefanoni, Rino Stringara, Giovanni Bossone, Renato Oliva, Fiorenzo Calderoni, Giorgio da Valeggia, Marco Fall, Giulio Adobati, Raimonda Bossone, Piergiorgio Novellini, Roberto Rolando, Lorenzo Bossone, Pierangelo Rametti, Roberto Preioni, Roberto Antonello, Walter Bossone, Luciano Arnaboldi, Lino Caldi, Pierluigi Ferrari, Mario Mangiarini, Luciana Grassi, Valerio Massera e altri.

Durante la retrospettiva saranno creati momenti di riflessione sulla tecnica pittorica di Carlo Bossone e sui suoi insegnamenti. Sarà promossa la nascita di un centro di formazione per aspiranti neo artisti nel campo della pittura en plen air.

Moreno Bossone precisa: «A quasi trent’anni dalla scomparsa di Carlo Bossone abbiamo voluto rendere omaggio ad un maestro che non solo ha saputo interpretare con grande talento la  rappresentazione del territorio, ma ha creato un cenacolo di artisti che, al suo fianco e con il suo insegnamento, hanno varcato la soglia della popolarità, ed ancor oggi portano avanti quello stile artistico che, a fianco della Pittura Vigezzina, si inserisce nel contemporaneo mondo artistico con una caratteristica molto peculiare».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *